Editoria: Peluffo, necessaria messa a punto per norme su edicole

Condividi

(ASCA) – Roma, 20 feb – Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’Editoria, Paolo Peluffo, interviene sullo sciopero indetto dagli edicolanti nei giorni delle elezioni: ”E’ indubbiamente necessaria una messa a punto delle norme di liberalizzazione del sistema distributivo per la stampa quotidiana e periodica. Norme che, ad un anno di distanza dalla loro entrata in vigore, hanno manifestato problemi di applicazione, di differenze territoriali che meritano correzioni. Lo spirito delle liberalizzazioni del sistema distributivo non deve danneggiare i punti piu’ fragili della catena ma puntare ad un miglior funzionamento del sistema”. ”L’Italia ha caratteristiche territoriali e sociali del tutto peculiari rispetto al resto d’Europa: il 56% del nostro territorio e’ collinare e montagnoso, degli 8 mila comuni la gran parte sono medio-piccoli o piccolissimi, e le librerie poco diffuse. In questo contesto – aggiunge Peluffo – le edicole rappresentano un sistema distributivo capillare, fondamentale per diffondere gli strumenti della lettura, e va percio’ tutelato anche l’interesse sociale da queste rappresentato”. Continua Peluffo: ”Tutto il settore editoriale vive una crisi profonda, a quella congiunturale si sommano a problemi strutturali. Argomenti che verranno discussi il 6 marzo al dipartimento Editoria per raccogliere tutte le istanze delle associazioni e immaginare un protocollo che possa fare da base per un futuro intervento del governo sulla normativa in questa materia”.