Nasce Al Huffington Post Maghreb

The Huffington Post Media Group e gli investitori Alix Etournaud e Fares Mabrouk hanno annunciato oggi la loro partnership Al Huffington Post Maghreb, una versione in lingua francese di The Huffington Post che coprirà i paesi del Maghreb – Tunisia, Marocco e Algeria. Si tratta della prima edizione africana del sito. L’annuncio è stato dato congiuntamente da Arianna Huffington, Presidente e Editor-in-Chief di The Huffington Post Media Group, Alix Etournaud e Fares Mabrouk. “Sono lieta di dare il benvenuto a Tunisia, Marocco e Algeria nella famiglia HuffPost”, ha detto Huffington. “Un mese dopo aver lanciato la nostra prima edizione asiatica, in Giappone, siamo entusiasti di portare la piattaforma HuffPost in Africa e invitiamo la gente del Maghreb ad aggiungere la propria voce al flusso della crescente conversazione globale. E il modo in cui Al Huffington Post Maghreb è nato è la migliore prova della potenza di quella conversazione: Alix e Fares sono stati ispirati dalla nostra edizione francese, Le HuffPost, e sono venuti da noi con l’idea di un’espansione nel Maghreb, che siamo felici di fare”. Al Huffington Post Maghreb includerà tre redazioni di sei-otto giornalisti ciascuna, prima in Tunisia, successivamente in Marocco e Algeria. Al Huffington Post Maghreb avrà il caratteristico mix di The Huffington Post composto da notizie, blog, comunità, video e social engagement per i francofoni del Nord Africa. Kader Abderrahim sarà direttore editoriale, mentre Houeida Anouar dirigerà la redazione.(ANSA, 25 giugno 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste