Matriwish, un’app per condividere i desideri

Si chiama Matriwish, è stata ideata da un gruppo di ragazzi italiani, tutti sotto i 30 anni e originari del Triveneto, ed è un’app gratuita per smartphone e tablet che ruota intorno al tema del desiderio: un luogo in cui condividere i propri ‘wish’ (che in inglese significa appunto desiderio) e realizzarli attraverso la community. Desideri intesi in senso ampio, da quelli materiali a quelli intellettuali. I più condivisi vengono raccolti nella lista ‘popular wish’.

L’idea è venuta a Dario Pandolfo, che per realizzarla ha lasciato una carriera di avvocato appena avviata.  “Una mattina”, racconta, “ero sul tram per andare al lavoro a Milano e, guardando fuori dal finestrino, ho visto un uomo uscire da un palazzo bellissimo; per un momento ho desiderato di essere lui e mi sono chiesto perché le persone non condividano di più ciò che desiderano. Poi ho pensato che potevo farlo davvero, che avrei potuto condividere i desideri di tante altre persone; ne ho parlato con i miei amici ed è nata Matriwish.”

I tre fondatori di Matriwish; da sinistra: Francesco Visintainer, Dario Pandolfo, Florian Schwienbacher.

Sostenuto dal fratello Enrico, che si occupa di vendite all’estero, Dario Pandolfo si è lanciato con entusiasmo nell’avventura, assieme a due studenti di giurisprudenza della Cattolica di Milano, Francesco Visintainer e Florian Schwienbacher, uno sviluppatore laureato in informatica e un responsabile vendite, Stefano Renier, laureato in giurisprudenza.

“Per ora siamo alla fase beta e siamo molto soddisfatti dei risulatati ottenuti: molti hanno scaricato la nostra applicazione, si sono registrati e utilizzano costantemente Matriwish”, afferma Dario Pandolfo, che in serbo ha anche una sorpresa: “Oltre alla fase social puntiamo a qualcosa di più concreto, che per ora è top secret”.

La fase definitiva del progetto è prevista per l’inizio dicembre, in prossimità del Natale, quando il desiderio prende forma anche tra gli animi più apatici. (Grazia Cerchia)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager