Della Valle per un’ora e mezza in Consob su Rcs. “Giusta routine”, dice

(AGI)  E’ durata circa un’ora e mezza l’audizione di Diego Della Valle in Consob sul tema Rcs. L’incontro “e’ stato una giusta routine”, ha spiegato l’imprenditore lasciando la sede milanese della commissione.  Della Valle era accompagnato da uno dei suoi legali, Carlo Montagna. “Ci e’ stato chiesto quale era il nostro pensiero e lo abbiamo raccontato come si legge nei nostri comunicati e nelle nostre conferenze stampa”, si e’ limitato a dire Della Valle senza rispondere a ulteriori domande dei giornalisti. “Abbiamo parlato anche di altre questioni”, ha quindi aggiunto. Nella sede milanese della Consob era presente in mattinata anche il Presidente, Giuseppe Vegas, che e’ pero’ stato visto uscire poco prima dell’arrivo dell’imprenditore marchigiano.
Della Valle era stato convocato nei giorni scorsi dalla Commissione che sorveglia il mercato per fornire chiarimenti sulle sue dichiarazioni relative a Rcs: il numero uno di Tod’s, titolare dell’8,8% circa del gruppo editoriale, si era detto pronto a rilevare l’inoptato relativo all’aumento di capitale mentre pochi giorni dopo aveva scritto al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, invocando un passo indietro di tutti i principali soci di Rcs. (AGI) Mi3/Msc/Fra

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sequestro dell’inchiesta di FanPage. Solidarietà da giornalisti e politica

Sequestro dell’inchiesta di FanPage. Solidarietà da giornalisti e politica

TOP 100 BRAND iscritti ad Audiweb  – dato MENSILE. A luglio boom CalcioToday, AltraNotizia, Sussidiario, Ricette Sprint, Meteoweek, Discovery+

TOP 100 BRAND iscritti ad Audiweb – dato MENSILE. A luglio boom CalcioToday, AltraNotizia, Sussidiario, Ricette Sprint, Meteoweek, Discovery+

Lunedì torna Striscia la notizia, arrivato alla 34esima edizione. Ricci: dopo le speranze nella scienza, prevale l’inscienza

Lunedì torna Striscia la notizia, arrivato alla 34esima edizione. Ricci: dopo le speranze nella scienza, prevale l’inscienza