‘Taci o Sparo!’, il dossier sui giornalisti minacciati e le proposte della Commissione Antimafia

(ANSA) Sono duecento le intimidazioni nei confronti di giornalisti, fotoreporter, video-reporter, blogger che sono state accertate in Italia nel primo semestre del 2013. Aggressioni, danneggiamenti, ritorsioni, richieste di danni ingiustificate sono all’ordine del giorno e limitano il diritto dei cittadini di conoscere fatti di rilevante interesse pubblico e fanno dell’Italia, secondo il rapporto 2012 di Freedom House, l’unico paese dell’Europa Occidentale oltre alle Turchia in cui la stampa è solo parzialmente libera.

Un dossier sull’argomento è stato consegnato ieri al Quirinale, durante la Cerimonia del Ventaglio, al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano da Ossigeno per l’Informazione, l’osservatorio sui giornalisti minacciati promosso da Fnsi e Ordine dei Giornalisti impegnato a documentare i singoli episodi, a segnalare leggi inadeguate, a promuovere l’attenzione pubblica e la solidarietà nei confronti dei minacciati.

Il dossier, dal titolo ‘Taci o Sparo! L’anti-informazione sulla mafia. Il mondo dei giornalisti minacciati ed isolati e le proposte della Commissione Antimafia’, realizzato in formato ebook, è scaricabile gratuitamente dal sito www.ossigenoinformazione.it. Contiene saggi di Lirio Abbate, Angelo Agostini, Alberto Spampinato, Pio Lamberto Stampa, Giovanni Tizian. Offre inoltre il testo integrale delle venti audizioni di giornalisti e dirigenti della loro categoria svolte nel 2012 dalla Commissione Parlamentare Antimafia nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle minacce ai giornalisti in Calabria, Campania e Sicilia.

Alberto Spampinato, direttore di Ossigeno, e Giuseppe Mennella, segretario di Ossigeno, hanno sottolineato con soddisfazione il fatto che finalmente il Parlamento, grazie all’iniziativa della Commissione Antimafia, abbia potuto constatare che i cronisti impegnati a seguire l’informazione sulla mafia godono di una protezione debole, insufficiente. Spampinato e Mennella hanno auspicato che l’indagine conoscitiva possa proseguire nell’attuale legislatura e hanno sollecitato il Parlamento ad accogliere le richieste formulate dall’Antimafia nella Relazione Finale: affrontare con urgenza il problema varando misure in grado di ridurre drasticamente le minacce impunite; frenare l’uso intimidatorio delle querele; verificare l’effettivo assetto proprietario delle testate giornalistiche nelle regioni del Mezzogiorno. (ANSA, 18 luglio 2013)

‘Taci o Sparo!’: clicca per scaricare il dossier integrale in formato .pdf
(A cura di: Dario Barà, Matteo Finco, Lorenzo Di Pietro, Alberto Spampinato
Con la collaborazione di: Angelo Agostini, Lirio Abbate, Giovanni Tizian, Arnaldo Capezzuto
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale. Non è consentita la riproduzione delle singole parti per formare opere derivate. E’ possibile la riproduzione integrale a titolo gratuito per usi non commerciali riportando le presenti indicazioni circa l’autore, i curatori e le limitazioni d’uso)

Il Presidente Giorgio Napolitano a colloquio con Giulio Anselmi e Franco Siddi, al termine della cerimonia del ‘Ventaglio’

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sostenibilità. Guido Barilla al forum ‘Resetting the Food System from Farm to Fork’: è tempo di agire

Sostenibilità. Guido Barilla al forum ‘Resetting the Food System from Farm to Fork’: è tempo di agire

Franceschini (Mibact): dal Decreto Legge Ristori Quater  un miliardo in più per cultura e turismo

Franceschini (Mibact): dal Decreto Legge Ristori Quater un miliardo in più per cultura e turismo

Rapporto trasformazione digitale Italia: con il lockdown guadagnate sei posizioni rispetto al 25° posto del Digital Economy and Society Index 2020 – DESI

Rapporto trasformazione digitale Italia: con il lockdown guadagnate sei posizioni rispetto al 25° posto del Digital Economy and Society Index 2020 – DESI