Nasce il polo grafico torinese

(AGI) La Canale & C., azienda del settore dell’editoria libraria e la Satiz srl, attiva nell’editoria tecnica e nei servizi di comunicazione multimediale per le imprese, hanno, infatti, raggiunto un accordo quadro. L’intesa prevede la costituzione di una nuova societa’, nella quale confluiranno i rami industriali printing delle due aziende “al fine di costituire uno dei maggiori gruppi italiani nel settore della stampa editoriale e commerciale, con un fatturato aggregato che, nel 2013, superera’ gli 85 milioni di euro”.
La maggioranza delle quote di partecipazione della nuova societa’ saranno possedute da Canale & C. Spa, mentre Satiz Srl avra’ una quota del pacchetto azionario di circa il 40%.

“In un momento di difficolta’ del settore grafico, preso di mira dalla riduzione degli investimenti pubblicitari sulla carta stampata – spiega Giacomo Canale, che sara’ presidente della nuova societa’ – abbiamo deciso di dare vita a quello che e’ stato definito il polo grafico torinese, individuando sinergie di costo e commerciali e con obiettivi ambiziosi di ulteriore sviluppo”. “Riteniamo – aggiunge – che questo settore abbia bisogno di soggetti capaci di forti economie di scala e orientati a proporre ai propri clienti un’offerta tecnologica, organizzativa e logistica in grado di competere con i principali player sul mercato europeo”. (22 luglio 2013, AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto