Google pensa a un metodo per cifrare i file degli utenti

(AGI) Google starebbe lavorando a un modo per cifrare i file di Google Drive, l’applicazione che raccoglie i documenti personali degli utenti, che non sarebbero cosi’ piu’ controllabili da agenzie esterne. Lo afferma il sito specializzato Cnet, citando fonti interne all’azienda californiana. Google sfrutterebbe una clausola del programma Prism, quello emerso negli ultimi giorni che consente alle agenzie investigative statunitensi di accedere ai dati degli utenti, che prevede che questi dati possano essere raccolti solo se non sono codificati.
La soluzione a cui ‘big G’ starebbe lavorando e’ appunto quella di fornire la possibilita’ di cifrare tutti i dati da parte dell’utente, che sarebbe anche il possessore unico della chiave per decodificarli. “In questo modo – spiega il sito – le agenzie dovrebbero fare una formale richiesta per poter accedere ai dati, impugnabile dal punto di vista legale”. (22 luglio 2013, AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto