L’omaggio della stampa britannica al Royal Baby

(TmNews) Con un inserto intitolato ‘The Son’, il tabloid più letto nel Regno Unito The Sun rende omaggio alla nascita del futuro re, il figlio del principe William e di Kate, duchessa di Cambridge, nato ieri alle 17,24 ora di Londra.

Edizioni speciali, naturalmente, per tutti i quotidiani britannici, dal Daily Telegraph, al Daily Star, al Daily Express, fino al Times che con il dovuto rispetto scrive: il Regno Unito e il Commonwealth “si rallegrano con orgoglio e gioia” per la nascita dell’erede al trono. “La nostra monarchia è ciò che ci accomuna e che ci distingue da paesi con tradizioni e storia meno fortunate. Per questa ragione siamo di fronte a un evento nazionale”.

Più laico il Guardian, che addiritttura propone una versione ad hoc per i lettori repubblicani, che non menziona il lieto evento sulla homepage. Nella versione “monarchica”, dopo aver espresso i migliori auguri al “bebé Cambridge”, il quotidiano progressista si domanda: “Anche se il regno di suo padre e di suo nonno saranno esemplari, anche se il suo sarà un comportamento impeccabile, potrà il Regno Unito nel 2065 essere uno Stato con alla guida un individuo il cui posto è stato deciso per nascita?”. (23 luglio 2013, TmNews)

The Sun

The Son, l’edizione speciale di The Sun per la nascita del Royal baby
Fonte: The Sun

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Microsoft si rafforza nel gaming e acquisisce ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Microsoft si rafforza nel gaming e acquisisce ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Lagarde: la crisi pandemica ha rafforzato l’Europa; euro digitale non ha nulla a che fare con “cripotovalute”

Lagarde: la crisi pandemica ha rafforzato l’Europa; euro digitale non ha nulla a che fare con “cripotovalute”

Nel 2020 si contrae la spesa per gli smartphone: -7,9% a livello globale. Dati Idc: 3 device su 4 costano meno di 400 dollari

Nel 2020 si contrae la spesa per gli smartphone: -7,9% a livello globale. Dati Idc: 3 device su 4 costano meno di 400 dollari