Italia fanalino di coda per l’e-commerce

(ANSA) Cresce l’e-commerce in Europa, con una quota di consumatori che passa dal 20% del 2004 al 45% (media Ue) del 2012. Ma i dati rivelano profonde differenze tra i Paesi del nord e quelli meridionali e dell’est. Se infatti il 74% degli svedesi e il 73% dei danesi e britannici nel 2012 ha comprato on-line, in Italia la percentuale scende drasticamente al 17%, terzo posto in negativo della graduatoria dopo Romania (5%) e Bulgaria (9%). Emerge dal “Quadro di valutazione 2013”, pubblicata oggi dalla Commissione.  Tuttavia si sottolinea come proprio alcuni Paesi dell’Europa meridionale e dell’est abbiano visto la crescita relativa più veloce dell’e-commerce tra il 2008 ed il 2012 (più del 100% in Lituania, Croazia, Bulgaria, Cipro ed Estonia). In linea con le stime, secondo le quali proprio questi mercati vedranno un boom del commercio on-line nei prossimi anni. Tuttavia, in termini assoluti, la principale crescita è stata rilevata in Belgio, Slovacchia, Malta e Svezia. D’altra parte anche la percentuale delle imprese che decidono di dedicarsi all’e-commerce varia molto da Paese a Paese. Fanalini di coda sono di nuovo Romania (5%), Italia (6%), e Bulgaria (7%) mentre a guidare la classifica sono Danimarca (29%), Svezia e Croazia (27%), mentre la media Ue è del 16%. Intanto i consumatori preferiscono acquistare da rivenditori on-line del proprio Paese (41%). Solo l’11% si rivolge a quelli di altri Stati membri Ue. Per questo l’obiettivo dell’Agenda digitale di Bruxelles che punta ad un 20% della popolazione che compra da e-shops fuori dai confini domestici, è stato spostato dal 2015 al 2020. I principali ostacoli sono le consegne e le forme di pagamento. Tuttavia ci sono eccezioni. In Lussemburgo, Malta e Cipro si fanno più acquisti e-commerce transfrontalieri che nazionali e anche in Finlandia (30%), Danimarca (29%), Irlanda (28%) e Belgio (25%) sono diffusi. Negli negli ultimi dodici mesi il 54% della popolazione Ue ha fatto acquisti su Internet, nei settori di abbigliamento e articoli sportivi, e servizi di viaggio e turismo. Mentre gli articoli meno gettonati risultano medicine (10%), servizi finanziari e assicurazioni (12%) e alimentari (15%). (23 luglio 2013, ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto