Springer vende quotidiani e riviste per puntare sul digitale

(AGI) Colpo di tuono nella stampa tedesca, con il gruppo Springer che annuncia la vendita di importanti quotidiani regionali, come ‘Berliner Morgenpost’ e ‘Hamburger Abendblatt’, oltre ad una serie di riviste femminili, sette in totale, tra le quali ‘Hoerzu’. In un comunicato Springer spiega che dal 1 gennaio 2014 i quotidiani e le riviste passeranno, per un prezzo di 920 milioni di euro, sotto il controllo del gruppo mediatico ‘Funke’, gia’ proprietario della ‘Westdeutsche Allgemeine Zeitung’ (Waz) e di numerosi altri organi di stampa.

Nel suo comunicato Springer definisce la vendita “un ulteriore passo verso l’attuazione della strategia volta a diventare il primo gruppo mediatico digitale”. Le riviste cedute hanno procurato nel 2012 un utile di quasi 95 milioni di euro, per un fatturato di 512 milioni. Al momento e’ in corso una riunione dei dipendenti delle varie redazioni dei giornali messi in vendita, nel corso della quale secondo lo ‘Spiegel’ si sono sollevate numerose proteste con acidi commenti. (25 luglio 2013, AGI)

Mathias Dopfner (foto Welt.de)

Mathias Dopfner, ad di Axel Springer (foto Welt.de)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto