Jeffrey Bezos, il fondatore di Amazon, per 250 milioni di dollari compra il Washington Post. Ecco l’articolo e il video con cui il quotidiano annuncia la possibile acquisizione

 Il Washington Post passa di mano. La società a cui fa capo lo storico quotidiano viene acquistata per 250 milioni di dollari da Jeffrey Bezos, il fondatore di Amazon. ”L’acquirente – si legge in una nota – e’ un’entità che appartiene a Bezos come individuo e non e’ Amazon.com”.

Il video in cui Donald Graham, ceo del gruppo Washington Post spiega a Brook Silva-Braga che la compagnia sta considerando Amazon di Jeff Bezos come potenziale buyer.

E così Il quotidiano autore di scoop storici, quali quello del Watergate, passa a sorpresa di mano. Pochi erano al corrente di trattative in corso per la vendita. Nell’ultimo decennio il quotidiano non e’ scampato alle difficolta’ finanziarie che hanno colpito l’industria dei quotidiani e le societa’ dei media tradizionali. L’ascesa di internet e l’epocale cambio dalla carta alla tecnologia digitale hanno aumentato la concorrenza a scapito delle societa’ dei media tradizionali, innescando un’ondata di fusioni, bancarotte e un processo di consolidamento fra le societa’ di carta stampata e quelle di broadcasting. La divisione dei quotidiani del Washington Post Co, di cui il Washington Post rappresenta la quota maggiore, ha accusato un calo dei ricavi operativi del 44% negli ultimi sei anni. Proprio le difficolta’ finanziarie hanno spinto il consiglio di amministrazione della societa’ a considerare la vendita. Un processo avviato nel massimo riserbo e affidato alla societa’ di investimento Allen & Co.

Ecco l’articolo e il video con cui il quotidiano che annuncia la possibile acquisizione

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Rai che si vedrà in autunno. Tutte le novità in palinsesto

La Rai che si vedrà in autunno. Tutte le novità in palinsesto

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim:  Sky è soggetto dominante

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim: Sky è soggetto dominante

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence