Il New York Times usa i big data per uno sguardo approfondito sul web

Condividere su Twitter non basta. Un’intensa attività sui social network non fa automaticamente aumentare i lettori web, tanto meno gli introiti. Al contrario, un articolo poco condiviso può esser letto a lungo. Il New York Times ha provato a utilizzare i big data per individuare quale correlazione c’è tra la viralità di un contenuto e il numero di persone che davvero sono interessante a un articolo.

Ha messo a punto Cascade 2.0, un sistema di visualizzazione dati che aiuta a individuare quale tipo e di coinvolgimento del lettore genera un articolo. Cascade genera grafici ad albero a partire dal monitoraggio dell’immenso traffico sui social network e ha l’obiettivo di rendere i big data utili per prendere decisioni sulle strategie seguire e, non meno importante, per evitare di incentivare inutili battibecchi sui social network.

Un grafico generato da Cascade 2.0

L’intero articolo e le diverse tipologe di grafico sono state pubblicate sulla Harvard Business Review il 27 agosto 2013.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Insulti sui social? Può scattare la diffamazione aggravata e si rischia fino a 3 anni di carcere

Insulti sui social? Può scattare la diffamazione aggravata e si rischia fino a 3 anni di carcere

<strong> Venerdì 15 e Sabato 16 gennaio </strong> Mannoia e De Filippi siglano il pari tra Rai e Mediaset

Venerdì 15 e Sabato 16 gennaio Mannoia e De Filippi siglano il pari tra Rai e Mediaset

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano