Condé Nast International crede nell’e-commerce e investe in Vestiaire

Nuovo investimento nell’e-commerce da parte di Condé Nast International, la società del gruppo editoriale americano a cui fanno capo tutte le filiali al di fuori degli Usa. Ieri 2 settembre, il presidente e ceo Jonathan Newhouse ha messo sul piatto 20 milioni di dollari per una quota di minoranza di Vestiaire Collective, sito francese che vende abiti e accessori di lusso usati. La stessa cifra era stata investita da Newhouse in marzo per una quota di Farfecth, piattaforma inglese di e-commerce che vende i prodotti di boutique indipendenti.

Jonathan Newhouse, ceo di Condé Nast International

Jonathan Newhouse, ceo di Condé Nast International

Con Vestiaire salgono a sette gli investimenti fatti da Condé Nast nell’e-commerce negli ultimi due anni, secondo una strategia che punta a creare sinergie tra brand come Vogue, Glamour, Gq e brand di e-commerce che si rivolgono alla stessa fascia alta di mercato e hanno un appeal e un legame di fiducia con gli utenti analogo a quella dei periodici Condé Nast. Lo scenario in cui attualmente il gruppo si muove attraverso il suo braccio internazionale è quello europeo con focus su Uk, Francia, Germania e prossimamente Italia.
Commentando l’operazione di Condé Nast, Patrick Smith del sito inglese The Media Briefing sottolinea come l’e-commerce sia la naturale evoluzione di una linea editoriale focalizzata sul prodotto. Inoltre osserva che la storia di Asos, un popolare sito inglese di e-commerce di accessori di moda, dimostra che gli utenti comprano più volentieri qualcosa di cui hanno letto e su cui si sono informati. Asos infatti ha investito nel matrimonio tra contenuti e tecnologia producendo contenuti editoriali che promuovono i prodotti in vendita, ed è così diventata un’azienda dal peso internazionale chiudendo il 2012 con ricavi per 500 milioni di sterline. Quindi quella di Condé Nast potrebbe essere una strategia vincente: ai lettori delle sue riviste piacciono i prodotti, ma far sì che dopo averne letto gli utenti li comprino on line e con il minor sforzo possibile è la sfida tecnologica che gli editori devono affrontare.
Smith riporta anche una ricerca di Emarketer, società newyorkese specializzata nell’analisi dei mercati digitali, secondo cui nell’e-commerce il trend più importante è la crescita della navigazione da mobile. Emarketer stima che entro il 2017 il mercato degli acquisti on line fatti da smartphone e tablet varrà 17 miliardi di sterline nel Regno Unito e raggiungerà il 26% di tutti gli acquisti. È un segnale importante, perché l’Inghilterra si è sempre dimostrata il Paese in grado di ricevere più velocemente le innovazioni di mercato legate al web.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giornalisti, il 73% ha riscontrato casi di disinformazione. Agcom: professione invecchiata, precarizzata e sempre più ibridizzata – DOCUMENTO

Giornalisti, il 73% ha riscontrato casi di disinformazione. Agcom: professione invecchiata, precarizzata e sempre più ibridizzata – DOCUMENTO

Open Fiber, Starace: ha spinto il digitale nel Paese, bene sfoci in rete unica. Enel monetizzerà in linea con suo interesse

Open Fiber, Starace: ha spinto il digitale nel Paese, bene sfoci in rete unica. Enel monetizzerà in linea con suo interesse

La cultura alle prese con il Covid. Due ricerche Intesa Sanpaolo raccontano i consumi culturali e il mercato dei festival

La cultura alle prese con il Covid. Due ricerche Intesa Sanpaolo raccontano i consumi culturali e il mercato dei festival