Torna nelle edicole francesi Lui, il magazine maschile degli anni Ottanta. A dirigerlo Frederic Beigbeder

(ANSA) Ritorna nelle edicole francesi, dopo nove anni di assenza, ‘Lui’ il magazine cult “dell’uomo moderno”, in voga negli anni Settanta e Ottanta. Creata nel 1963 da Daniel Filipacchi, la rivista che associava sexy e glamour, con bellissime donne nude in copertina, come Brigitte Bardot, e interviste a intellettuali e uomini politici (dal regista Francois Truffault all’ex premier Michel Rocard e all’ex presidente Valery Giscard D’Estaing), è oggi resuscitata da Jean-Yves Le Fur, 39 anni, proprietario di locali alla moda a Parigi come il Montana. Il direttore della redazione è il celebre scrittore e regista francese Frederic Beigbeder (Euro 14,99, L’amore dura tre anni). Nel XXI secolo, Lui diventa “il magazine dell’uomo che pensa alle donne”, il suo target sono manager e cittadini, dai 30 ai 55 anni. Le foto sono firmate da grandi fotografi (per la prima edizione c’e l’attrice Lea Seydoux senza veli) e i testi sono scritti, tra gli altri, da Patrick Besson, Marcela Iacub (autrice di ‘Belle et bete’, un romanzo sulla sua relazione con Dominique Strauss-Kahn), Thomas Legrand, Gaspard Proust e Nicolas Rey. E’ stampato in 350.000 copie e costa 2,90 euro a copia. (ANSA, 5 settembre 2013)

Frederic Beigbeder (fuckyeahfredericbeigbeder.tumblr.com)

Frederic Beigbeder (foto Fuckyeahfredericbeigbeder.tumblr.com)

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Andrea Duilio assume la guida di Sky Italia come amministratore delegato

Andrea Duilio assume la guida di Sky Italia come amministratore delegato

#TOKYO2020: FEDERICA PELLEGRINI IN SEMIFINALE COL BRIVIDO! RIVIVI LA SUA BATTERIA DEI 200SL – IL VIDEO DI EUROSPORT

#TOKYO2020: FEDERICA PELLEGRINI IN SEMIFINALE COL BRIVIDO! RIVIVI LA SUA BATTERIA DEI 200SL – IL VIDEO DI EUROSPORT

Agcom, Lasorella in Parlamento: Nostra sfida è governare la transizione digitale,  preoccupa l’indebolimento dell’industria dei media

Agcom, Lasorella in Parlamento: Nostra sfida è governare la transizione digitale,  preoccupa l’indebolimento dell’industria dei media