Sempre più branded entertainment per FremantleMedia Italia

Autunno all’insegna del branded entertainment e delle sponsorship per FremantleMedia Italia, la casa di produzione di X Factor, The Apprentice, Got Talent, Project Runway e Ginnaste. L’azienda è infatti già al lavoro per la produzione di altri tre programmi in onda dal prossimo autunno sulle maggiori emittenti nazionali, digitali e satellitari. Lo rende noto un comunicato diffuso oggi dalla società.

Dopo la case history di successo di ‘Gt Academy Italia’, uno dei programmi best performer del weekend estivo del canale Dmax, che grazie alla collaborazione di Sony Playstation, Discovery e FremantleMedia ha visto sfidarsi i campioni di Playstation su un vero circuito alla guida dei bolidi Nissan, altre multinazionali nel campo dell’energia e della casa hanno affidando alla casa di produzione lo sviluppo editoriale di nuovi contenuti multipiattaforma in grado di conquistare l’attenzione dei telespettatori e di raggiungere specifici target.

Con queste iniziative FremantleMedia sta quindi cercando si consolidarsi nel settore del branded entertainment content, sia grazie alla business unit creativa interna sia attraverso i fortunati format di successo già testati all’estero.

Lorenzo Mieli, ad di FremantleMedia Italia (foto Fabio Lovino)

Lorenzo Mieli, ad di FremantleMedia Italia (foto Fabio Lovino)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Microsoft si rafforza nel gaming e acquisisce ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Microsoft si rafforza nel gaming e acquisisce ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Lagarde: la crisi pandemica ha rafforzato l’Europa; euro digitale non ha nulla a che fare con “cripotovalute”

Lagarde: la crisi pandemica ha rafforzato l’Europa; euro digitale non ha nulla a che fare con “cripotovalute”

Nel 2020 si contrae la spesa per gli smartphone: -7,9% a livello globale. Dati Idc: 3 device su 4 costano meno di 400 dollari

Nel 2020 si contrae la spesa per gli smartphone: -7,9% a livello globale. Dati Idc: 3 device su 4 costano meno di 400 dollari