Giornalisti del Sun e Daily Mirror alla sbarra

Siamo alla resa dei conti per i giornalisti del Sun e del Daily Mirror che devono rispondere davanti alla giustizia di accuse molto pesanti come quella di aver pagato illegalmente pubblici ufficiali per avere notizie-scoop da spalmare sulle proprie testate. Sono nove i reporter apparsi davanti alla corte di Westminster, tra cui Greig Box-Turnbull (ex giornalista del Daily Mirror) e Graham Dudman (ex direttore del Sun). Una trentina di colleghi delle due testate rivali hanno voluto manifestare davanti al tribunale in segno di solidarietà con gli indagati. Il Sun, di proprietà di Rupert Murdoch, è il secondo quotidiano più venduto in Gran Bretagna con quasi tre milioni di copie al giorno mentre il Daily Mirror è un tabloid nato dopo la Seconda Guerra Mondiale e vicino ai laburisti. Box-Turnball è il primo giornalista del Daily Mirror accusato di aver pagato 20mila sterline a un ufficiale penitenziario e alla sua compagna e ulteriori 2.700 sterline a un altro funzionario. La questione è di rilevanza politica tutt’altro che esile e l’indagine ha sconvolto non poco il mondo editoriale britannico dopo che sono venuti alla luce i suoi metodi non proprio ortodossi per ottenere notizie e le relative pressioni editoriali sui reporter, al punto che lo stesso Rupert Murdoch è stato direttamente chiamato in causa. (d.s.)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech