Tv per ragazzi, un mercato in crescita. L’Italia in testa nel consumo giornaliero

Il mercato delle Tv per ragazzi è in crescita. Dal report di EurodataTv emerge che, nel primo semestre del 2013, il consumo giornaliero di programmi tematici è salito a 2 ore e 14 minuti, 5 minuti in più rispetto ai 5 anni precedenti. Lo annuncia il comunicato stampa dell’11 settembre diffuso da mediametrie.fr. Fa riferimento a Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito.

Rispetto al 2012 la crescita viene trainata da Italia e Germania, ma il nostro Paese dimostra entusiasmo maggiore: 2 ore e 49 minuti di consumo giornalier, 7 minuti in più rispetto all’anno scorso.

I risultati positivi sono dovuti “alle nuove piattaforme e al cambiamento delle abitudini del pubblico”, spiega Johanna Karsenty, kids’ research manager di Eurodata Tv Worldwide.

Gli show più visti sono quelli di animazione, come Madagascar e Sponge Bob, “classici contemporanei” prodotti negli Stati Uniti.

Anche i giganti del web hanno capito che i ragazzi sono i “consumatori di domani” e si sono già esercitati con i servizi tradizionali di broadcast. L’arrivo sul mercato televisivo di Amazon, Hulu, iTunes, Netflix e Samsung rappresenta nuove opportunità. “Sono un’occasione per estendere l’offerta su più piattaforme”, conclude la nota stampa.

Clicca qui per scaricare la sintesi del documento integrale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nel 2019 ogni settimana il 61% degli europei ha guardato il servizio pubblico del proprio paese. Dati Ebu: tg e news i programmi più offerti

Nel 2019 ogni settimana il 61% degli europei ha guardato il servizio pubblico del proprio paese. Dati Ebu: tg e news i programmi più offerti

I contenuti streaming al top nei consumi media. Brightcove: tv connesse e smartphone i più usati

I contenuti streaming al top nei consumi media. Brightcove: tv connesse e smartphone i più usati

Home entertainment, boom Svod e non lineare in lockdown. Univideo: consumo digitale cresciuto del 73%

Home entertainment, boom Svod e non lineare in lockdown. Univideo: consumo digitale cresciuto del 73%