Online a ottobre l’Huffington Post tedesco

(ANSA) Il 10 ottobre sarà lanciata in Germania la versione tedesca dell’Huffington Post, il quotidiano americano online. Il giornale, come reso noto oggi a Monaco dall’HuffPo, partirà con una redazione di 15 persone e il direttore sarà Sebastian Matthes (36 anni), proveniente dal settimanale economico Wirtschaftswoche. Entro il 2016, il giornale online vuole avere bilanci in attivo nell’ordine di svariati milioni di euro. Il sito tedesco è diretto in Germania, Austria e Svizzera. Fondato nel 2005 l’Huffington Post è diventato uno dei principali siti di informazione in rete con diramazioni in diverse lingue. L’edizione tedesca nasce dalla cooperazione fra l’Huffington Post Media Group e la Tomorrow Focus Media GmbH del gruppo Burda a Monaco, uno dei principali attori nell’editoria tedesca. Fra le testate del gruppo Burda anche le riviste Focus, Bunte, Superillu, Elle e Playboy. La Tomorrow Focus non intende investire nel progetto più di tre milioni di euro. L’obbiettivo è quello di diventare un importante portale di informazione in lingua tedesca. I contenuti saranno l’informazione ma anche, come il modello americano, tempo libero, celebrità e blog.(ANSA, 12 settembre 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”