Più geolocalizzazione, ma anche più attenzione alla privacy

Un sondaggio pubblicato oggi, 12 settembre 2013, da Pew Internet Research spiega le abitudini di chi possiede uno smartphone. In particolare di come utilizzano i servizi di geolocalizzazione. Emergono tre considerazioni importanti.

il 74% degli intervistati con un’età superiore ai 18 anni ha dichiarato di usare il telefono per avere informazioni sulle strade o su ciò che c’è intorno a loro. Nella stessa fascia d’età, il 30% usa la geolocalizzazione quando scrive un post (+14% dal 2011). Ma sono in sensibile diminuzione i servizi di “check-in” come Foursquare, li usa il 12% degli intervistati (-18% dal 2012).

Ma è anche vero che il 35% degli utenti spegne le funzioni di geolocalizzazione preoccupato della propria privacy. Le donne sono più attente degli uomini alla propria riservatezza.

Clicca qui per leggere il documento integrale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica