In Francia cala l’iva sui biglietti del cinema: dal 7% al 5% dal primo gennaio

(ANSA) La Francia scommette ancora sulla cultura. Dal prossimo primo gennaio, l’Iva sul biglietto del cinema verrà ridotta ”dall’attuale 7% al 5%”, ha annunciato il ministro francese della Cultura, Aurelie Filippetti. ”Auspico che ci sia un’Iva a tasso ridotto a favore della cultura. Lo abbiamo fatto per i libri e il teatro. A nome del principio di neutralità tecnologica, la Francia lo ha fatto anche per l’e-book e la stampa on-line. E’ una battaglia di grande importanza”, ha aggiunto il ministro. L’annuncio arriva dopo che per mesi, gli addetti ai lavori del settore, temevano che il tasso intermedio (già salito dal 5,5% al 7% nel luglio 2012, tranne che per i libri e il teatro) aumentasse ancora nel gennaio 2014, come previsto per altri settori. Ora, tutti si chiedono se il taglio delle tasse sui biglietti cinematografici non indurra’ gli esercenti a ridurre il prezzo di vendita per gli spettatori. La risposta arriverà con l’anno nuovo. (ANSA, 13 settembre 2013)

Il ministro francese della Cultura, Aurelie Filippetti (foto Olycom)

Il ministro francese della Cultura, Aurelie Filippetti (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club