Rcs, sindacati sul piede di guerra. Mercoledì 18 stato di agitazione dei poligrafici

(MF-DJ) Quando si affronta il dossier relativo allo stabile milanese di via Solferino si toccano sempre nervi scoperti all’interno di Rcs Mediagroup. Dopo lo sciopero della scorsa settimana della redazione del Corriere della Sera (il giornale non e’ uscito in edicola sabato), ora tocca ai poligrafici dell’area quotidiani di Rcs scendere sul piede di guerra.

L’esito della prima delle tre assemblee fissate per ieri, scrive MF, e’ stato netto: 101 si’, solo 4 contrari e 11 astenuti (su un totale di 116 partecipanti) alla proposta avanzata dalle Rsu di indire lo stato di agitazione che prevede per il momento 30 ore di blackout lavorativo: opzione che si concentrera’ per la gran parte (24 ore) nella giornata di mercoledi’ 18.

Le altre due assemblee di lavoratori poligrafici (57 si’ su 58 votanti al secondo turno serale) hanno votato anche a favore di questa risoluzione, mettendo di fatto in pericolo l’uscita nei prossimi giorni di Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport. Se non interverranno mediazioni dell’ultima ora, le due testate non saranno in edicola nella giornata di giovedi’ 19.

18 settembre 2013

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..

Sostenibilità. Accordo tra Ministero dell’Ambiente e Sky Italia. Costa: partner importante per sfide cruciali. Ibarra: anno decisivo

Sostenibilità. Accordo tra Ministero dell’Ambiente e Sky Italia. Costa: partner importante per sfide cruciali. Ibarra: anno decisivo

Il 70% degli americani si informa sui social media. Facebook, YouTube e Twitter i più usati, poi Reddit, Snapchat, Linkedin, WhatsApp, Tumblr e Twitch

Il 70% degli americani si informa sui social media. Facebook, YouTube e Twitter i più usati, poi Reddit, Snapchat, Linkedin, WhatsApp, Tumblr e Twitch