Crowdfunding fai da te. Strumenti e tecniche per autofinanziarsi

Il crowdfunding è un metodo sempre più utilizzato per realizzare un progetto e uno degli strumenti delle startup giornalistiche per finanziarsi. Kickstarter e Indiegogo sono le piattaforme più utilizzate per questa forma democratica di raccolta fondi.

Ma i siti di microfinanziamento non sono gratuiti, hanno un loro business: le commissioni si aggirano intorno al 5%. Paul Spinrad su Pbs Mediashift spiega come essere “Kickstarter di se stessi”.

Svincolarsi dalle piattaforme e gestire il crowdfunding sul proprio sito web è più faticoso ma, oltre ad azzerare le commissioni, permette di creare un rapporto migliore con i sottoscrittori e dialogare con loro per nuove campagne. Inoltre soluzioni ad hoc permettono di adattarsi meglio alla propria identità culturale. Ci sono due tipi di soluzioni: creare una sezione del proprio sito o un portale web specifico. Ecco gli strumenti segnalati da Spinrad:

1. Plug-in per WordPress.

È la via più semplice. Moltissimi siti sono basati su WordPress. È gratuito e i plug-in offrono strumenti pronti all’uso per il crowdfunding.
Il vantaggio immediato è la possibilità di calibrare i costi di commissione: se dai tool analitici emerge che un utente non è disposto a pagare il 5% standard di commissione, si può ipotizzare di ridurla all’1% e, se funziona, l’incremento degli incassi è del 20%.

IngnitionDeck è la prima soluzione completa per WordPress e quella più sperimentata. Ma ha un costo, 79 dollari. Si appoggia a PayPal ma, con un’estensione è possibile farlo funzionare con WePay, Stripe e BitCoin.

Austoundify, è gratuito e open source ed è compatibile con PayPal, WePay e altri. Per chi non ha tempo o voglia di costruire un proprio tema, su ThemeForest sono disponibili soluzioni complete che si interfacciano al plug-in: vanno da 45 a 60 dollari.

Da segnalare inoltre Fundraising e Funding press. Quest’ultimo è la soluzione più diretta: è sufficiente installare il tema senza fare altro, e la campagna può partire. Costa 55 dollari.

2. Piattaforme fai da te

Si chiamano soluzioni PaaS (platform as a service). Con un abbonamento mensile queste piattaforme permettono di creare un minisito per la propria campagna: le interfacce si possono personalizzare anche senza toccare il codice.
Da segnalare c’è CrowdfundHQ, Crowdhoster e GoodCleanFund. Sono siti per campagne stand-alone, ovvero pensate per ospitare il finanziamento di un solo progetto. Per gestire più raccolte invece si può utilizzare Hybrid Funding, Invested.In, Mimoona e Towema.

3. Software gratuiti
Sono le soluzioni ideali per i programmatori e chi è in grado integrare questi programmi nel proprio sito. Le più note sono Selfstarter e Catarse e hanno già finanziato campagne per milioni di dollari.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Bene gli investimenti pubblicitari online anche in agosto, +15,1%. Fcp-Assointernet: sentiment positivo per settembre

Bene gli investimenti pubblicitari online anche in agosto, +15,1%. Fcp-Assointernet: sentiment positivo per settembre

Editoria, Cairo ottimista: con Covid il settore ha retto; nel 2021 ripresa graduale per la pubblicità. Per i giornali modello Nyt

Editoria, Cairo ottimista: con Covid il settore ha retto; nel 2021 ripresa graduale per la pubblicità. Per i giornali modello Nyt

TikTok, secondo il giudice che ha bloccato il bando sull’app dal divieto potenziale abuso di potere

TikTok, secondo il giudice che ha bloccato il bando sull’app dal divieto potenziale abuso di potere