Basta banner sulle app Android. Google cambia la sua politica e rinuncia a 150 milioni di dollari

Già da questa settimana le direttive per gli sviluppatori di Google Play cambieranno: i banner spariranno dalle app di Android. Sul sistema operativo di Google sarà molto più difficile sponsorizzare applicazoni gratuite. Forbes ha stimato che con questa mossa il colosso di Mountain View rinuncia a 150 milioni di dollari all’anno E chi finora ha creato programi per smartphone avrà una forma di remunerazione in meno.

Il merkato dell’advertising è un’area grigia su Android, commenta Forbes, e alcuni network pubblicitari sono diventati molto invadenti. Ora Google vuol rincorrere l’esperienza utente di Ios.

Due funzionalità verranno eliminate del tutto: niente più banner nella barra delle notifiche, quelli utilizzati dalla maggior parte dei programmi gratuiti e stop della pubblicità sulla home di Android.

È una strategia di lungo periodo: rinunciare a 150 milioni di dollari di incassi certi ogni anno per rendere il sistema operativo per smartphone più piacevole e competitivo. E anche per prepararsi al native advertising.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio.  Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio. Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”