Possibile stop di Google ai cookie per tracciare gli utenti

(TMNews) Google potrebbe dire addio ai cookie, il sistema che memorizza informazioni specifiche sugli utenti che accedono ai server. Invece di usare questo metodo, che permette a migliaia di società di connettersi ai siti per monitorare cosa le persone cercano in internet, il colosso di Mountain View, California, potrebbe usare un nuovo sistema che individua gli utenti in modo anonimo. Come riporta il Wall Street Journal la notizia è stata rivelata dal portavoce dello stesso motore di ricerca.

Questa mossa darebbe una scossa all’industria della pubblicità online che ha un giro d’affari di 120 miliardi e che si affida proprio ai cookie per inviare messaggi mirati alle persone.
“Crediamo che l’avanzamento tecnologico debba garantire più sicurezza agli utenti e allo stesso tempo assicurare che il web rimanga economicamente sostenibile. Noi e altri abbiamo diversi progetti a riguardo, ma siamo ancora all’inizio”, ha detto il portavoce di Google.

La proposta potrebbe forzare gli inserzionisti a chiedere a Google, che è il più grande attore nella pubblicità online, informazioni sulle abitudini negli acquisti e sulle preferenze degli utenti, invece di farlo autonomamente, come succede ora. (TMNews, 19 settembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ue a difesa giornalisti: Stati membri garantiscano sicurezza. Nel 2020 oltre 900 attacchi a reporter, tutelarli anche online

Ue a difesa giornalisti: Stati membri garantiscano sicurezza. Nel 2020 oltre 900 attacchi a reporter, tutelarli anche online

Roberto Sergio (Rai Radio) chiede switch off Fm, rilevamento passivo degli ascolti e investe sui podcast

Roberto Sergio (Rai Radio) chiede switch off Fm, rilevamento passivo degli ascolti e investe sui podcast

Fnsi. Giulietti: Unire categoria per futuro di giovani e precari. Lorusso: Indebolire informazione è indebolire democrazia

Fnsi. Giulietti: Unire categoria per futuro di giovani e precari. Lorusso: Indebolire informazione è indebolire democrazia