Marco Ferrari lascia Zodiak Active

E’ ufficiale Marco Ferrari lascera’ il ruolo di chairman e ceo di Zodiak Active, la divisione globale dedicata alle attività digital e branded di Zodiak Media. A fine anno passera’ infatti il testimone a Nicola Drago, dal maggio 2012 in Zodiak Active come senior Vice President Strategy & New Business. Un passaggio di consegne programmato da circa un anno quando Ferrari aveva deciso di voler tornare a fare l’imprenditore (ha in mente una start up che lo ha conquistato).

Ferrari lascia dunque la societa che aveva fondato insieme a un gruppo di soci 14 anni fa – all’epoca si chiamava Neo Network ed era all’avanguardia nel campo della comunicazione digitale – poi ceduta nel 2007 al Gruppo De Agostini intenzionato a sviluppare il business nel settore dei contenuti, attivita’ cresciuta nel tempo e oggi organizzata in Zodiak Media.
Neo Network si è evoluta in Zodiak Active, diventando la divisione globale specializzata nel digital e branded content del gruppo, con sedi a Milano, Londra, Madrid e Sao Paolo. Ferrari. Nel 2010 Ferrari diventa chief digital officer di Zodiak Entertainment e poi nel 2011 chairman e ceo della divisione che e’ sempre più focalizzata su business digitali nativi e scalabili, come programmatic advertising e online video, complementari rispetto alle consolidate attività di branded content e produzione televisiva.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Zelig sbarca su ViacomCBS Italia. Tra le altre novità autunnali The Roast of Italy, 16 anni e incinta ed Emas

Zelig sbarca su ViacomCBS Italia. Tra le altre novità autunnali The Roast of Italy, 16 anni e incinta ed Emas

Usa, l’amministrazione Trump contro i social: basta protezione legale, siano responsabili dei contenuti

Usa, l’amministrazione Trump contro i social: basta protezione legale, siano responsabili dei contenuti

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali