Anna Maria Tarantola: “Via il trash dalla tv pubblica”

(ANSA) Un servizio pubblico in cui il trash sia bandito e che promuova attraverso ”l’educazione di genere” anche un maggiore rispetto per la donna. È l’obiettivo della presidente della Rai Anna Maria Tarantola, intervistata dal Messaggero. ”Il Servizio Pubblico – spiega – può e deve continuare a essere strumento per un cambiamento sociale positivo. Per questo abbiamo spronato i direttori di reti, canali e testate da un lato a usare un linguaggio non aggressivo, ma equilibrato, semplice, corretto e nello stesso tempo interessante, capace di raggiungere tutti i cittadini; e dall’altro a ‘inventare’ nuovi programmi di buon profilo culturale, capaci di emozionare e di divertire, di coinvolgere i giovani, di avviare l’indispensabile processo di educazione di genere”. Settore ”delicato” è l’intrattenimento: ”i nostri telespettatori hanno potuto già constatare, per esempio, i cambiamenti nel pomeriggio di Rai1. Pur mantenendo il brand di riferimento, abbiamo rinnovato contenuti e lo stile dei conduttori facendo di quella programmazione una finestra aperta sull’Italia e sul mondo. Alcune fedelissime del pomeriggio Rai mi hanno scritto per lamentare il minor spazio dato ora alla cronaca e al gossip, ma sono certa che a primavera converranno con me che il racconto di storie vere, delle eccellenze italiane, di problemi legati al lavoro, alla salute, ai diritti civili, alle pari opportunità è sicuramente altrettanto se non più interessante e coinvolgente”. (ANSA, 24 settembre 2013).

Anna Maria Tarantolo (foto Studio Franceschin)

Anna Maria Tarantolo (foto Studio Franceschin)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi