Shanghai si apre a Facebook e agli altri siti banditi, il resto della Cina deve aspettare

La Cina ha intenzione di aprire Facebook e Twitter. I due social network, sono inaccessibili dal 2009 e anche il New York Times è stato oscurato dall’anno scorso, quando ha pubblicato gli scandali familiari dell’ex premier Wen Jiabao.

La notizia è stata riportata da Reuters e viene dal South China morning post, quotidiano di Shangai. Non ci sono ancora conferme governative, ma secondo l’agenzia, lo sblocco dei siti è previsto per il 29 settembre, ma solo a Shanghai, nella zona di libero scambio voluta da Deng Xiaoping.

Finora nessuno ha commentato la notizia, né sul fronte statunitense né su quello cinese.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Microsoft si rafforza nel gaming e acquisisce ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Microsoft si rafforza nel gaming e acquisisce ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Lagarde: la crisi pandemica ha rafforzato l’Europa; euro digitale non ha nulla a che fare con “cripotovalute”

Lagarde: la crisi pandemica ha rafforzato l’Europa; euro digitale non ha nulla a che fare con “cripotovalute”

Nel 2020 si contrae la spesa per gli smartphone: -7,9% a livello globale. Dati Idc: 3 device su 4 costano meno di 400 dollari

Nel 2020 si contrae la spesa per gli smartphone: -7,9% a livello globale. Dati Idc: 3 device su 4 costano meno di 400 dollari