Con Constitute si possono esplorare e confrontare 160 carte costituzionali. Una nuova idea di Google. Presto anche la Carta italiana

Con Constitute è possibile consultare 160 costituzioni da tutto il mondo e confrontarle punto per punto temi come la laicità, la regolamentazione dei partiti e i diritti civili. In totale si può cercare tra 350 argomenti.

Il progetto è stato finanziato da Google ideas e sviluppato dal Comparative constitution project. L’idea alla base è creare uno strumento facilmente accessibile per i governi che vogliono dotarsi di una nuova legge fondamentale e, non meno importante, permette ai cittadini dei singoli stati di approfondire la propria costituzione.

I documenti sono tutti tradotti in inglese e disponibili in html e in pdf. Per ora manca la Carta italiana, ma l’ufficio stampa di Google Italia ha comunicato che le scansioni del documento sono pronte e che la nostra legge fondamentale sarà disponibile a breve sulla piattaforma.Anche James Melton, dell’University College di Londra e fra i responsabili del sito, ha spiegato all’Ansa che la Costituzione italiana fa parte del progetto ma la sua digitalizzazione e relativa ‘etichettatura’ dei contenuti non erano state completate in tempo per il lancio. Melton assicura che il lavoro ora è completo e che la Carta italiana ”dovrebbe essere caricata sul sito entro la fine della settimana”.

Il sito è accessibile a questo indirizzo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast