Twitter affida la gestione della quotazione in borsa a JpMorgan Chase e Morgan Stanley

(MF-DJ) Twitter ha incaricato anche JpMorgan Chase e Morgan Stanley di gestire il suo processo di quotazione in borsa. Lo hanno riferito fonti informate sulla vicenda. Le due banche andranno ad affiancare Goldman Sachs Group, che finora aveva curato autonomamente il dossier e si era occupata di preparare il prospetto preliminare consegnato qualche settimana fa alla Securities and Exchange Commission. Era poi stata la stessa Twitter a svelare l’esistenza del documento tramite un tweet pubblicato la scorsa settimana.

La fonte ha precisato che malgrado l’aggiunta delle altre due banche, Goldman Sachs manterra’ l’incarico di lead manager della Ipo. A questo punto i tempi della quotazione dipendono da quanto impieghera’ l’authority a fornire un giudizio sul filing depositato dall’azienda californiana, ma sembra probabile che si arrivi alla fine di novembre. Se cosi’ fosse, Twitter sara’ chiamata a stilare un prospetto definitivo della Ipo entro 21 giorni prima del roadshow finale, quello in cui la societa’ presenta l’offerta agli investitori nel rush finale verso la quotazione.

MF-DJ 26 settembre

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Alla Rai i diritti esclusivi multipiattaforma dei Mondiali 2022 in Qatar. Salini: prima volta in un periodo altamente strategico per i media

Alla Rai i diritti esclusivi multipiattaforma dei Mondiali 2022 in Qatar. Salini: prima volta in un periodo altamente strategico per i media

“Quarta promozione in 3 anni per Mazzola con l’amministratore Rai voluto da MsS”. Anzaldi scatenato. Rai risponde col medagliere della giornalista

“Quarta promozione in 3 anni per Mazzola con l’amministratore Rai voluto da MsS”. Anzaldi scatenato. Rai risponde col medagliere della giornalista

Sky incontra i sindacati. Piano 2021-2024: 2.500-3.000 uscite su 11mila addetti; no licenziamenti ma accordi consensuali

Sky incontra i sindacati. Piano 2021-2024: 2.500-3.000 uscite su 11mila addetti; no licenziamenti ma accordi consensuali