Coinvolgere per capire, come applicare i videogiochi al mondo dell’informazione

I giornalisti possono imparare molto dai videogiochi, lo scrive Sisi Wei del network di giornalismo investigativo ProPublica su Pbs mediashift. I giochi aiutano le persone a esplorare mondi sconosciuti e di fare esperienza di cose attraverso gli occhi di qualcun altro. I migliori videogame fanno sì che i giocatori provino vere emozioni e imparino materie complesse. Questo tipo di coinvolgimento è durevole nel tempo ed è in grado di influenzare molte persone.

Nell’attuale fase di sviluppo tecnologico i videogiochi non richiedono console o computer costosi. Possono girare su smartphone ed essere eseguiti attraverso Facebook. Anche chi non si definirebbe mai un amante dei videogame in realtà gioca a qualcosa. “Per i giornalisti i giochi possono essere uno strumento potente per raggiungere il grande pubblico”, comment Sisi Wei.

Anche Andrew DeVigal, per sei anni direttore dell’area multimedia del New York Times ha detto a Wired Us: “C’è un proverbio cinese ‘raccontami qualcosa e lo dimenticherò, mostrami qualcosa e potrei ricordarmelo, coinvolgimi e allora capirò’. Quando si parla di racconti multimediali siamo nella fase ‘mostrami’, ma non comprenderemo totalmente finché non siamo coinvolti in qualcosa”. Forse con i giochi è possibile farlo.

L’obiettivo della maggior parte dei giochi è “escapista”, ma ci sono anche videogame che permettono di avvicinarsi a un’esperienza reale. È il caso di Sweatshop (parola di difficile traduzione: indica una fabbrica dove le condizioni di lavoro sono paragonabili alla schiavitù). Nel gioco si impersona il manager di questo stabilimento e il coinvolgimento emotivo è alto: bisogna sfruttare minorenni ed evitare le rivolte. Fa parte di una nuova categoria di intrattenimento, i social impact games.

Sweatshop coinvolge il giocatore in scelte etiche: il manager che si impersona può concedere condizioni di lavoro migliori e perdere il lavoro (ovvero far finire il gioco) oppure raddoppiare i turni e costringere gli operai alla catena di montaggio e vincere la partita. In entrambi i casi le dinamiche tipiche del gioco suscitano emozioni basilari come sorpresa, paura, disgusto e meraviglia. Per Wei queste reazioni empatiche permettono di informare il lettore in un modo nuovo e, tornando al proverbio cinese, fanno sì che le notizie siano ricordate e capite.

Ma i giochi giornalistici non sono un’assoluta novita. Uno degli esempi più famosi è Budget Hero, del 2008: il giocatore deve redigere un bilancio federale ed evitare la bancarotta per trent’anni. Budget Hero è aggiornato con le nuove disposizioni fiscali, come il fiscal cliff. L’obiettivo del gioco è far capire la complessità del bilancio degli Stati uniti, perché non ci sono scelte facili per continuare il gioco.

I newsgames sono diversi dalle tecniche di gamification, che introduce dinamiche dei videogiochi in qualcosa che non lo è. Il vantaggio dei giochi è la possibilità di condurre l’utente verso un obiettivo predeterminato e creare una connessione emotiva con la storia e il personaggio ricreato.

Nell’ultimo anno sono nati diversi strumenti per creare “adventure game”, e che non richiedono la conoscenza di linguaggi di programmazione: sono Twine e Impact Js e permettono di creare esperienze immersive.

Al termine dell’articolo di Sisi Wei ci sono molte risorse per approfondire il tema.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Gubitosi (Tim): sbagliato ritardare chiusura digital divide; limitata propensione a nuovi strumenti tecnologici potrebbe causare esclusione sociale

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Nella TOP 100 mondiale aziende lusso il 22% è italiano. Deloitte: business luxury cresciuto di 15 mld dollari, vendite +12,8% – DOCUMENTO

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club

Calcio e Covid. Inter propone tetto ai salari dei calciatori per far sopravvivere il sistema. Stipendi incidono per l’80% del fatturato dei club