Occupy Rai: l’attacco di Beppe Grillo alla tv di stato, con tanto di sit-in davanti a Viale Mazzini

Il presidio di protesta organizzato da Beppe Grillo davanti ai cancelli Rai di Viale Mazzini il 30 settembre 2013. A partecipare anche Roberto Fico, presidente della commissione di Vigilanza Rai. Una presenza che ha scatenato una bufera tra i membri della Vigilanza.

Ecco la sintesi della giornata raccontata da Grillo stesso sul suo sito: “Ieri con Roberto Fico, il presidente della commissione di Vigilanza Rai, e i parlamentari del M5S siamo andati alla sede della Rai in viale Mazzini. Vogliamo lobby e politici fuori dalla Rai. Ho parlato con i dipendenti e i precari, l’azienda deve ripartire da loro. Ho parlato anche con il direttore generale Gubitosi, deve intervenire sul presidente del Consiglio Letta che domenica sera su Rai3 da Fazio, davanti a 5 milioni di spettatori, ha detto una cosa falsa. Non siamo noi ad aver votato il Porcellum, ma lui. Gli italiani devono sapere”.

– Il sit-in

– Grillo parla con i giornalisti dopo il presidio

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Video correlati

1° maggio. Fedez attacca la Lega: “Rai voleva censurarmi”. Viale Mazzini smentisce. Di Mare: Dichiarazioni di Fedez gravi e infondate 1° maggio. Fedez attacca la Lega: “Rai voleva censurarmi”. Viale Mazzini smentisce. Di Mare: Dichiarazioni di Fedez gravi e infondate

1° maggio. Fedez attacca la Lega: “Rai voleva censurarmi”. Viale Mazzini smentisce. Di Mare: Dichiarazioni di Fedez gravi e infondate

La telefonata di Fedez con funzionari e organizzatori del Concerto 1 Maggio La telefonata di Fedez con funzionari e organizzatori del Concerto 1 Maggio

La telefonata di Fedez con funzionari e organizzatori del Concerto 1 Maggio

Draghi: nel Pnrr il destino dell’Italia. 50 miliardi per digitale, innovazione e cultura; complessivamente disporremo di 248 miliardi Draghi: nel Pnrr il destino dell’Italia. 50 miliardi per digitale, innovazione e cultura; complessivamente disporremo di 248 miliardi

Draghi: nel Pnrr il destino dell’Italia. 50 miliardi per digitale, innovazione e cultura; complessivamente disporremo di 248 miliardi