4G: quando l’Europa rimane indietro di una generazione

Chi ha utilizzato dispositivi mobili negli Stati Uniti si sarà reso conto di una differenza numerica notevole nella telecomunicazione del nuovo continente: possiedono, infatti, una tecnologia mobile di quarta generazione (4g) e il loro passaggio tecno-generazionale non è recente, bensì del 2010.

Nel blog ‘E-story’ sul Corriere.it, Edoardo Segantini tenta di spiegare come mai questo passaggio dal 3g al 4g sia stato possibile in America e non in Europa. Le cause sono molteplici: dal divario di consumo di internet mobile tra utenti Usa ed europei, al peso delle regole a cui devono soggiacere i paesi dell’Unione Europea per quanto riguarda gli investimenti in infrastrutture tlc.

Tra i motivi annoverati da Segantini troviamo anche le aste per le frequenze necessarie per la telefonia mobile, pare infatti che in paesi come l’Italia, la telefonia sia stata penalizzata e lo ‘spettro radio’ disponibile sia stato devoluto in prevalenza alla televisione. (Corriere.it, 2 ottobre 2013)

Per una lettura completa dell’analisi di Edoardo Segantini, clicca qui.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Bene gli investimenti pubblicitari online anche in agosto, +15,1%. Fcp-Assointernet: sentiment positivo per settembre

Bene gli investimenti pubblicitari online anche in agosto, +15,1%. Fcp-Assointernet: sentiment positivo per settembre

Editoria, Cairo ottimista: con Covid il settore ha retto; nel 2021 ripresa graduale per la pubblicità. Per i giornali modello Nyt

Editoria, Cairo ottimista: con Covid il settore ha retto; nel 2021 ripresa graduale per la pubblicità. Per i giornali modello Nyt

TikTok, secondo il giudice che ha bloccato il bando sull’app dal divieto potenziale abuso di potere

TikTok, secondo il giudice che ha bloccato il bando sull’app dal divieto potenziale abuso di potere