4G: quando l’Europa rimane indietro di una generazione

Chi ha utilizzato dispositivi mobili negli Stati Uniti si sarà reso conto di una differenza numerica notevole nella telecomunicazione del nuovo continente: possiedono, infatti, una tecnologia mobile di quarta generazione (4g) e il loro passaggio tecno-generazionale non è recente, bensì del 2010.

Nel blog ‘E-story’ sul Corriere.it, Edoardo Segantini tenta di spiegare come mai questo passaggio dal 3g al 4g sia stato possibile in America e non in Europa. Le cause sono molteplici: dal divario di consumo di internet mobile tra utenti Usa ed europei, al peso delle regole a cui devono soggiacere i paesi dell’Unione Europea per quanto riguarda gli investimenti in infrastrutture tlc.

Tra i motivi annoverati da Segantini troviamo anche le aste per le frequenze necessarie per la telefonia mobile, pare infatti che in paesi come l’Italia, la telefonia sia stata penalizzata e lo ‘spettro radio’ disponibile sia stato devoluto in prevalenza alla televisione. (Corriere.it, 2 ottobre 2013)

Per una lettura completa dell’analisi di Edoardo Segantini, clicca qui.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”