10 milioni di americani visitano il sito di Obamacare, ma è offline per il mancato finanziamento del Governo Usa

(TMNews) Mentre le agenzie del governo federale americano si trovano a dover affrontare lo shutdown – la paralisi parziale dei servizi dovuta alla mancanza di un accordo a Capitol Hill – milioni di cittadini si interessano alla riforma sanitaria lanciata ufficialmente ieri dal presidente Barack Obama.

Secondo le statistiche pubblicate nelle prime 24 ore, 10 milioni di americani hanno già visitato i siti internet dell’Obamacare aperti in ogni stato, i cosiddetti exchange sanitari, ma solo poche migliaia di persone hanno già avviato la procedura di iscrizione al programma. In Kentucky, per esempio, su 57.625 persone che hanno visitato il sito, circa 2000 hanno fatto richiesta della copertura assicurativa, mentre in Connecticut solo 167.

A rallentare le operazioni sono stati anche i problemi tecnici.
Il sito gestito dal governo federale che serve 36 stati – spiega Bloomberg News – è rimasto fuori uso per gran parte del giorno.
“Come per ogni nuova legge, ogni nuovo prodotto, ci saranno dei problemi”, aveva avvertito ieri lo stesso Obama parlando dalla Casa Bianca, assicurando tuttavia che saranno risolti di volta in volta.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il Teatro dei Dioscuri al Quirinale è la nuova sala della Cineteca Nazionale: attrezzature moderne e capienza di 100 posti

Il Teatro dei Dioscuri al Quirinale è la nuova sala della Cineteca Nazionale: attrezzature moderne e capienza di 100 posti

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Consiglio di Stato: la chiusura dei musei è una misura emergenziale, la fruizione del patrimonio artistico non va interamente sacrificata

Consiglio di Stato: la chiusura dei musei è una misura emergenziale, la fruizione del patrimonio artistico non va interamente sacrificata