Accordo Ti Media-L’Espresso sui multiplex, possibile integrazione tra Rete A e Timb

(ANSA) Telecom Italia Media e L’Espresso hanno siglato un accordo non vincolante per una possibile integrazione tra la controllata TI Media Broadcasting e le attività di operatore di rete di Rete A. Nascerebbe, spiega una nota, l’operatore leader in Italia, con l’integrazione di 5 multiplex su un’unica piattaforma tecnologica digitale. L’accordo preliminare avvia il negoziato che, spiega una nota, punta a un’integrazione ”nell’ottica di valorizzazione degli asset di entrambi anche attraverso la realizzazione di sinergie industriali”. I cda di L’Espresso e di Ti Media si sono riuniti oggi e hanno ”’approvato la prosecuzione del negoziato per la definizione di un accordo definitivo, da sottoporre a tempo debito all’approvazione consiliare”. ‘Mux’ è l’abbreviazione di ‘multiplex’, ovvero i sistemi di diffusione digitale del segnale televisivo usato nel digitale terrestre, ma anche nella tv satellitare e via cavo. Questa operazione, unendo i tre ‘mux’ di Timb e i due di Rete A, tutti a copertura nazionale, creerebbe ”un operatore di rete leader in Italia, sotto il controllo di Ti Media” sottolinea la nota. La Rai e Mediaset ne hanno cinque anche loro. (ANSA, 7 ottobre 2013).

Severino Salvemini, presidente di Telecom Italia Media

Severino Salvemini, presidente di Telecom Italia Media

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci