Parte il Fondo di perequazione pensionistica per i giornalisti

(ANSA) Il Consiglio Nazionale dell’Unione Nazionale Giornalisti Pensionati ha preso atto ”con soddisfazione” dell’avvio dell’operatività del Fondo di perequazione pensionistica previsto dal vigente Contratto nazionale di lavoro, che a dicembre inizierà ad erogare le sue prime prestazioni, secondo i criteri “di solidarietà, equità, mutualità indicati dalla Fnsi e determinati dal Comitato tecnico di gestione”. ”Consapevole dell’insufficienza delle decisioni adottate in ordine al complessivo problema economico e sociale posto dalla costante perdita di reddito dei giornalisti pensionati”, il Consiglio nazionale – informa una nota – chiede ”lo sblocco dei vincoli pendenti sulla perequazione per legge dei trattamenti in vigore, una modifica del regime fiscale dei redditi da pensione, un collegamento stabile con le rappresentanze di categorie affini e con le Confederazioni sindacali più rappresentative al fine di concordare iniziative comuni”. In un altro ordine del giorno il Consiglio nazionale dell’Ungp ”protesta fermamente per l’arresto del giornalista calabrese Francesco Gangemi di 79 anni ed auspica un intervento del Capo dello Stato in suo favore”. (ANSA, 10 ottobre 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8  mln 15 anni fa)

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8 mln 15 anni fa)