Boom della pubblicità online: il mobile fa segnare +145%

I dati del primo semestre 2013 raccolti dall’Interactive Advertising Bureau (Iab) confermano la crescita esponenziale del mobile advertising che negli Usa raggiunge il 15% della pubblicità online (l’8% in più rispetto al primo semestre 2012) realizzando una cifra d’affari di 3 miliardi di dollari contro gli 1,2 miliardi realizzati year to date. A darne notizia è il sito del Sole 24 Ore in un articolo firmato da Giuditta Mosca. In termini percentuali la crescita è del 145% in un anno. Ecco la sintesi del Sole:

Secondo il report di Iab diffuso ieri, la crescita della pubblicità online nel corso del secondo quarto del 2013 ha fatto registrare una crescita del 5% rispetto al trimestre precedente, con una cifra d’affari di 10,3 miliardi di dollari contro i 9,8 miliardi dei primi tre mesi del 2013 e contro gli 8,7 miliardi realizzati nel secondo trimestre del 2012 (+18%): nonostante sempre più persone navighino anche con i dispositivi mobili (o solo con questi) l’internet advertising resiste e cresce.

Per quanto riguarda la situazione italiana, i dati a disposizione si riferiscono al 2012, anno in cui il comparto internet advertising italiano ha realizzato una cifra d’affari di 1,4miliardi di euro, portando lo Stivale in quinta posizione tra i Paesi europei in cui, in totale, si è registrata una crescita dell’ 11,5% che tradotta in denaro corrisponde a 24,3miliardi di euro. Nel dettaglio, in Italia, la crescita del mobile advertising è stata del 78,3% rispetto al 2011.
Anche ciò, benché altisonante, non deve stupire più di tanto: gli onnivori digitali italiani (ovvero coloro che sfruttano la Rete sia da desktop sia da device) sono il 31% della popolazione connessa, in termini percentuali ben 5 punti sopra a quella Usa e sei punti sopra agli inglesi, fermi al 25%.

– Leggi l’articolo su Ilsole24ore.it

– Leggi il report di Iab ‘Internet Ad Revenues At $20.1 Billion Hit Historic High For Half-Year 2013, Up 18% Over Same Time In 2012, According to IAB’

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giovanni Ciarlariello via da Sky Italia. Lascia l’incarico di chief media, digital and data officer

Giovanni Ciarlariello via da Sky Italia. Lascia l’incarico di chief media, digital and data officer

Rete unica, Vestager: importante è indipendenza del gestore. Valutare se ci sono legami con venditori al dettaglio

Rete unica, Vestager: importante è indipendenza del gestore. Valutare se ci sono legami con venditori al dettaglio

5g, l’Ue ai governi: banda larga fondamentale. Lanciare le reti entro marzo 2021

5g, l’Ue ai governi: banda larga fondamentale. Lanciare le reti entro marzo 2021