Retata contro Anonymus: arrestato un dipendente di Twitter

Sono uno studente di 22 anni, un pensionato e un dipendente di twitter i tre hacker che sono stati arrestati negli Usa per aver effettuato attacchi Ddos a vari sistemi informatici, all’interno di una retata contro Anonymus. La notizia è stata data dal sito del Corriere della Sera

Ecco l’articolo nei dettagli:

Altro che adolescenti brufolosi e in pigiama. Tra gli arrestati negli Usa nella retata condotta contro Anonymous per numerosi attacchi DDoS del 2010, ci sono uno studente di 22 anni, un pensionato di 65. E un dipendente di Twitter, ex impiegato ad Amazon.

CONTROLLO AFFIDABILITA’ – Una sorpresa, dunque. A darne notizia è «The Verge», che ha appreso l’identità degli imputati. Non è ancora chiaro, però, se gli accusati abbiano aiutato Anonymous ad attaccare le stesse compagnie . Il primo, Phillip Simpson, è un professionista dell’IT. Anthony Tadros , 22 anni, è uno studente dell’Università del Connecticut , che per ironia della sorte ,ha lavorato come analista di sicurezza per la scuola , stando a quanto spiega il suo profilo LinkedIn . Geoffrey Commander è ha 65 anni. E poi c’è Ryan Gubele , 27enne, ex dipendente di Amazon. Nel mese di giugno, Gubele ha iniziato a lavorare come ingegnere per il controllo affidabilità per Twitter – ed è ancora impiegato lì .

MASTER CARD – La scorsa settimana , il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha formalizzato il suo atto d’accusa secondo il quale gli imputati hanno aiutato Anonymous , il collettivo di hacktivist , a buttare giù i siti di Bank of America e MasterCard. Entrambe sono state prese di mira dal collettivo per aver rifiutato di trattare donazioni a Wikileaks . Si tratta della famosa Operation Payback , durata per più di un anno. Twitter e Amazon per il momento non hanno voluto commentare .

Leggi l’articolo del Corriere sulla retata contro Anonymus

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Violenza sulle donne, appello delle deputate Pd all’Ordine dei giornalisti: cambiare il linguaggio per combatterla

Violenza sulle donne, appello delle deputate Pd all’Ordine dei giornalisti: cambiare il linguaggio per combatterla

Giornalisti, il 73% ha riscontrato casi di disinformazione. Agcom: professione invecchiata, precarizzata e sempre più ibridizzata – DOCUMENTO

Giornalisti, il 73% ha riscontrato casi di disinformazione. Agcom: professione invecchiata, precarizzata e sempre più ibridizzata – DOCUMENTO

Della Valle: con l’eCommerce si cambia pelle, è mezzo per sbloccare il mercato americano

Della Valle: con l’eCommerce si cambia pelle, è mezzo per sbloccare il mercato americano