Il 2013 anno tra i più violenti per la stampa in Brasile

(ANSA) A poco meno di tre mesi dal termine, il 2013 già si caratterizza come uno degli anni più violenti per la stampa, in Brasile: lo rivela il Rapporto annuale sulla libertà di stampa divulgato dall’Associazione brasiliana di emittenti di radio e tv (Abert). Nello studio – divulgato oggi durante la 43/ma Assemblea generale dell’Associazione internazionale di radiodiffusione (Air), in corso a Rio de Janeiro – viene evidenziato che vari attacchi nei confronti dei giornalisti sono avvenuti anche in occasione delle grandi manifestazioni di piazza occorse in tutto il Brasile a partire dal giugno scorso. In particolare, dall’inizio dell’anno ci sono stati 136 casi registrati contro i media, tra minacce, attentati e tentativi di censura. Finora inoltre ci sono state 5 morti tra i professionisti della comunicazione, contro le 6 avvenute nel 2012. (ANSA, 14 ottobre 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giovanni Ciarlariello via da Sky Italia. Lascia l’incarico di chief media, digital and data officer

Giovanni Ciarlariello via da Sky Italia. Lascia l’incarico di chief media, digital and data officer

Rete unica, Vestager: importante è indipendenza del gestore. Valutare se ci sono legami con venditori al dettaglio

Rete unica, Vestager: importante è indipendenza del gestore. Valutare se ci sono legami con venditori al dettaglio

5g, l’Ue ai governi: banda larga fondamentale. Lanciare le reti entro marzo 2021

5g, l’Ue ai governi: banda larga fondamentale. Lanciare le reti entro marzo 2021