Il 2013 anno tra i più violenti per la stampa in Brasile

(ANSA) A poco meno di tre mesi dal termine, il 2013 già si caratterizza come uno degli anni più violenti per la stampa, in Brasile: lo rivela il Rapporto annuale sulla libertà di stampa divulgato dall’Associazione brasiliana di emittenti di radio e tv (Abert). Nello studio – divulgato oggi durante la 43/ma Assemblea generale dell’Associazione internazionale di radiodiffusione (Air), in corso a Rio de Janeiro – viene evidenziato che vari attacchi nei confronti dei giornalisti sono avvenuti anche in occasione delle grandi manifestazioni di piazza occorse in tutto il Brasile a partire dal giugno scorso. In particolare, dall’inizio dell’anno ci sono stati 136 casi registrati contro i media, tra minacce, attentati e tentativi di censura. Finora inoltre ci sono state 5 morti tra i professionisti della comunicazione, contro le 6 avvenute nel 2012. (ANSA, 14 ottobre 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

De Benedetti festeggia il primo anno di ‘Domani’ e conferma la nascita della Fondazione

De Benedetti festeggia il primo anno di ‘Domani’ e conferma la nascita della Fondazione

Boom di ascolti per i trionfi olimpici di Jacobs e Tamberi. I fenomenali 9.80 seguiti da 6,9 milioni di spettatori, 46,2% di share

Boom di ascolti per i trionfi olimpici di Jacobs e Tamberi. I fenomenali 9.80 seguiti da 6,9 milioni di spettatori, 46,2% di share

Tim celebra l’essenza del tifoso italico affidandosi al mitico Oronzo Canà –  LO SPOT IN ANTEPRIMA Tim celebra l’essenza del tifoso italico affidandosi al mitico Oronzo Canà –  LO SPOT IN ANTEPRIMA

Tim celebra l’essenza del tifoso italico affidandosi al mitico Oronzo Canà – LO SPOT IN ANTEPRIMA