Amazon condivide i magazzini con Procter & Gamble: un invito a comprare sul web anche pannolini e shampoo

(TMNews) Amazon punta a condividere i magazzini di grandi gruppi come Procter & Gamble con l’obiettivo di spingere i consumatori a ordinare sempre più online prodotti da ogni giorno (quelli venduti da P&G appunto) come carta igienica, pannolini e shampoo. Il colosso del commercio elettronico intende avere inoltre la meglio su rivali e catene di distribuzione.

E così ogni giorno personale di P&G carica sui bancali i suoi prodotti che poi i dipendenti di Amazon confezionano e inviano direttamente alle persone che li hanno ordinati.

La mossa targata Amazon fa parte di un programma con i rivenditori chiamato Vendor Flex, permettendo così di ridurre i costi legati al trasporto e all’immagazzinamento di beni, di competere sui prezzi con competitor come Wal-Mart e Costco e di ridurre il tempo necessario per effettuare le consegne.

Gli obiettivi di Amazon sono ambiziosi. Attualmente gli americani acquistano online solo il 2% dei prodotti per la casa, una quota che secondo Nielsen Holdings ha comunque rappresentato un giro d’affari da 16 miliardi di dollari nel 2012. Secondo la società di ricerca queste vendite online cresceranno del 25% all’anno a quota 32 miliardi di dollari nel 2015.

15 ottobre 2013

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale