Il mercato pubblicitario online chiuderà il 2013 a +5-6%, +2% per il display adv. Le stime di Iab (VIDEO)

E’ iniziato alle 9 di questa mattina nella Sala Collina del Sole 24 Ore a Milano il seminario di Iab sul Display Advertising. Ad aprire i lavori Simona Zanette, presidente di Iab Italia, che ha fatto luce sulla situazione dell’advertising online nel 2012 e ha presentato le stime per il 2013.

A fronte di valori negativi sui media tradizionali, l’Europa dell’Ovest è cresciuta complessivamente in questo comparto del 9% nel 2012. L’Italia ha perso il quarto posto sul totale investimenti sorpassata dalla Russia, mentre il Regno Unito si conferma in vetta alla classifica.

In Italia gli investimenti sono cresciuti del 9,2% nel 2012 rispetto al 2011, anche se questo valore resta leggermente sotto la media del totale Europa (Ovest+Est, pari a 11,5%). Il peso del display adv sul totale investimenti è pari al 45%.

Per fine anno Iab prevede che il mercato chiuderà a +5-6% per quanto riguarda il totale internet, mentre il display adv si attesterà attorno ad un +2%. “Rispetto al passato non abbiamo più numeri a due cifre ma chiuderemo l’anno con un’immagine comunque abbastanza positiva”, ha concluso Simona Zanette.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Zelig sbarca su ViacomCBS Italia. Tra le altre novità autunnali The Roast of Italy, 16 anni e incinta ed Emas

Zelig sbarca su ViacomCBS Italia. Tra le altre novità autunnali The Roast of Italy, 16 anni e incinta ed Emas

Usa, l’amministrazione Trump contro i social: basta protezione legale, siano responsabili dei contenuti

Usa, l’amministrazione Trump contro i social: basta protezione legale, siano responsabili dei contenuti

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali