Infomotori.com ha un nuovo direttore responsabile, Massimo Cortesi

Carlo Valente lascia dopo 15 anni la direzione di Infomotori.com, il giornale online sul mondo delle auto e delle moto, da lui fondato nel 1997 assieme con Ivana Gabriella Cenci.

Direttore responsabile della testata è stato nominato Massimo Cortesi, noto giornalista del settore automotive. Il suo compito: consolidare e rafforzare il network di siti specializzati nell’informazione motoristica di Infomotori.com, che comprende, Veicolicommerciali24.it, Quattromania.it, Autoaporter.it e Moto.infomotori.com, oltre a un’attiva community sui social network, in particolare su Facebook. Fra web, social e mobile, Infomotori.com raggiunge oltre 7 milioni di lettori ogni mese.

Massimo Cortesi

Massimo Cortesi, nato a Brescia il 13 ottobre 1955, ha iniziato giovanissimo a collaborare con il Giornale di Brescia, diventando via via redattore, capo servizio in cronaca, segretario di redazione e responsabile della redazione interni ed esteri. Dal 1992 è anche responsabile delle pagine sui motori del quotidiano, incarico che tuttora ricopre.

Ivana Gabriella Cenci affiancherà Cortesi mantenendo il ruolo di vicedirettore e il coordinamento dei progetti editoriali.
Valente si dedicherà al rafforzamento delle partnership e ai progetti di sviluppo per ampliare il raggio d’azione del gruppo editoriale, che di recente ha aperto un nuovo sito, Car and Style, con base a Sarasota in Florida.

Carlo Valente

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Calcio spagnolo, il fondo CVC versa 2,7 miliardi di euro per prendersi il 10% del capitale della Liga

Calcio spagnolo, il fondo CVC versa 2,7 miliardi di euro per prendersi il 10% del capitale della Liga

Hate speech e odio online, Lasorella (Agcom): Banco di prova per il nostro Paese sarà la nuova direttiva Smav

Hate speech e odio online, Lasorella (Agcom): Banco di prova per il nostro Paese sarà la nuova direttiva Smav

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19