Al via a Londra il processo sulle intercettazioni del gruppo Murdoch

(TMNews) Si apre oggi a Londra il processo contro l’ex amministratore delegato di News International, Rebekah Brooks, e altri sette imputati coinvolti nello scandalo delle intercettazioni illegati che due anni fa portò alla chiusura del tabloid britannico News of the World di Rupert Murdoch.

Rebekah Brooks

Rebekah Brooks (foto Olycom)

Le udienze, che potrebbero durare quattro mesi, metteranno in luce le pratiche del tabloid chiuso nel 2011, accusato di aver spiato a partire dall’inizio del 2000 i telefoni di circa 600 persone, tra cui quelli di personaggi famosi come Paul McCartney e Hugh Grant. A due anni dallo scandalo, il processo si annuncia imbarazzante per il premier britannico David Cameron, legato da rapporti di amicizia e di lavoro ai due principali imputati, Brooks appunto, e Andy Coulson, suo ex consigliere per i media.
Entrambi sono accusati di intercettazioni illegali e corruzione di funzionari per ottenere informazioni. Tutti gli otto imputati si sono dichiarati non colpevoli.

Pur aprendosi ufficialmente oggi il processo, il tribunale londinese Old Bailey non dovrebbe entrare subito nel vivo del dibattito prima di alcuni giorni, per questioni di carattere procedurale. (fonte Afp, TMNews, 28 ottobre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo