Il 2 novembre la decisione sul futuro del festival del giornalismo

(ANSA) Un comunicato stampa ne aveva annunciato la chiusura per scarsità di risorse soprattutto pubbliche, un successivo incontro pubblico, con diretta sui principali social network, aveva fatto ipotizzare che invece si potesse tenere, reperendo fondi con una raccolta popolare, ma erano rimasti vari interrogativi in sospeso, a cominciare da quello sulla sede dell’evento: ora gli organizzatori del Festival del giornalismo, che da sempre si tiene a Perugia, annunciano per sabato prossimo alle 11, all’Hotel Brufani del capoluogo umbro, un nuovo incontro pubblico “per annunciare – dicono, in una nota – la nostra decisione in merito all’edizione 2014”. “Sarà l’occasione – continua la nota degli organizzatori – anche per lanciare la raccolta fondi e dare indicazioni sulle modalità per contribuire. Crowdfunding e corporate sponsorship è la nostra nuova sfida, un nuovo modello per riuscire a realizzare” il festival. Giorni fa anche Regione Umbria e Comune di Perugia, oggetto delle critiche dagli organizzatori dell’evento (Arianna Ciccone e Chris Potter) avevano ribadito – in una conferenza stampa – la loro disponibilità a finanziare la manifestazione. (ANSA, 28 ottobre 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8  mln 15 anni fa)

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8 mln 15 anni fa)