Milano vetrina della produzione creativa italiana: Andrea Illy presenta il progetto di Altagamma

Condividi

[media id=158 width=530 height=350]

Il presidente di Fondazione Altagamma, Andrea Illy, in apertura del convegno Osservatorio Altagamma 2013 ha illustrato il progetto di un brand per Milano come vetrina della produzione creativa italiana, realizzato assieme a Camera nazionale della moda, Cosmit e assessorato a Lavoro, sviluppo, università e ricerca del Comune di Milano.

“Il mio messaggio come presidente di Altagamma è: collaboriamo, cooperiamo e coordiniamoci. Il marketing territoriale va fatto anche a Milano, in una partnership tra il pubblico e il privato. Ed è quello che stiamo cercando di fare”, ha detto Illy.

“Future brand sta intervistando le cinquanta eminenze grigie di Milano per mettere a punto l’idea creativa di rebranding che verrà presentata il 5 dicembre”, ha poi spiegato. “Verranno selezionate due proposte da presentare al sindaco Pisapia e verranno messe on line per avere un parere anche da parte dei cittadini”.

“Ma questa è solo una parte del nuovo programma strategico di Altagamma per valorizzare il ‘Made In’ in ogni sua espressione”, ha proseguito Illy. “Il lavoro è diviso in due parti, la prima precedente a Expo 2015 e nella quale cercheremo sinergie tra una quarantina di imprese, Padiglione Italia e Expo 2015. La seconda è successiva all’Esposizione universale e ha come obiettivo far diventare Milano la più amata tra le destinazioni dello shopping internazionale. In questo Milano ha un’offerta unica: l’area compresa tra corso Vittorio Emanuele, il Quadrilatero e via Senato è un esempio straordinario di ‘italian style itineraries’, il più grande shopping district pedonale al mondo”.

Nel corso dell’evento sono stati chiamati a fare parte dell’International honorary council di Fondazione Altagamma quattro nuovi membri fra cui, per la prima volta, due italiani: Gillo Dorfles, filosofo e critico d’arte, e Gualtiero Marchesi, cuoco di fama internazionale. A loro si affiancano Michael Ward, managing director di Harrods, e Lusink Oger, ceo del fashion retailer londinese Oger.

L’Osservatorio Altagamma si è aperto con la tavola rotonda moderata da Severino Salvemini dell’Università Bocconi, che ha coinvolto oltre ad Andrea Illy anche Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca del Comune di Milano; Mario Boselli, presidente della Camera nazionale della moda italiana; Claudio Luti, presidente del Cosmit; Piero Bassetti, presidente di Globus et Locus.

Il convegno è proseguito con la consueta presentazione del panel di studi sull’andamento e sulle previsioni del segmento di alta gamma. Ecco di seguito le sintesi dei diversi report.

– Monitor Altagamma sui mercati mondiali realizzato da Bain & Company e Altagamma (.pdf)

– Il consumo Tax Free in Eu realizzato da Global Blue (.pdf)

– Fashion & Luxury Insight realizzato da Sda Bocconi e Altagamma (.pdf)

– Luxury Food & Beverage Insight realizzato da Sda Bocconi e Altagamma (.pdf)

– Consensus Altagamma 2014 realizzato da Fondazione Altagamma con il contributo dei maggiori analisti internazionali specializzati (.pdf)