Google costruisce sulle coste statunitensi misteriose strutture galleggianti

(TMNews) Dopo il progetto segreto che Google sta sviluppando a Treasure Island, San Francisco, il gigante tecnologico sta costruendo nuove strutture galleggianti in altre aree degli Stati Uniti. A Portland, in Maine, un quotidiano locale racconta come il colosso di Mountain View stia portando a termine una chiatta identica a quella apparsa in California. E ancora – anche se non ci sono conferme – starebbe costruendone una anche a New London, Connecticut.

Come ha riportato il network Kpix 5 venerdì scorso, Google starebbe facendo le chiatte galleggianti per lanciare sul mercato i suoi occhiali tecnologici. “Le stanno costruendo su entrambe le coste”, ha detto una persona molto vicina al progetto. Da parte sua il colosso californiano non ha rilasciato alcuna dichiarazione sulla questione. Per il progetto dei Google Glass il gruppo ha stanziato oltre 10 milioni di dollari.

Entrambe le aree (in California e in Maine) sono gestite da By and Large, che affitta moli e hangar abbandonati della marina statunitense, per una cifra che si aggira intorno ai 100.000 dollari al mese. (TMNews, 29 ottobre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La metà degli americani si informa sui social media. Facebook, YouTube e Twitter i più usati, poi Reddit, Snapchat, Linkedin, WhatsApp, Tumblr e Twitch

La metà degli americani si informa sui social media. Facebook, YouTube e Twitter i più usati, poi Reddit, Snapchat, Linkedin, WhatsApp, Tumblr e Twitch

Nasce Gedi Watch, magazine digitale che racconta storie, personaggi e territori. E con lui al via le dirette web Gedi Watch Live

Nasce Gedi Watch, magazine digitale che racconta storie, personaggi e territori. E con lui al via le dirette web Gedi Watch Live

Pirateria online. Mediaset vince causa contro Dailymotion (Vivendi) e Veoh. Risarcimento milionario. “Tutelato il lavoro degli editori”

Pirateria online. Mediaset vince causa contro Dailymotion (Vivendi) e Veoh. Risarcimento milionario. “Tutelato il lavoro degli editori”