Trimestre oltre attese per Facebook: 425 milioni di utile, ricavi a 2,02 miliardi (+60%)

(ANSA) Facebook chiude il terzo trimestre con un utile netto di 425 milioni di dollari rispetto a una perdita di 59 milioni di dollari nello stesso periodo dell’anno scorso. I ricavi sono saliti a 2,02 miliardi di dollari, il 60% in piu’ rispetto al 2012. I dati sono oltre le attese degli analisti. ‘Per quasi dieci anni la missione di Facebook e’ stata quella di connettere il mondo. I buoni risultati che abbiamo ottenuto questo trimestre mostrano che siamo pronti per la prossima fase, mentre lavoriamo a lavorare per portare i prossimi cinque miliardi di persone online” afferma l’amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg. Gli utenti attivi giornalieri di Facebook per settembre 2013 sono stati 728 milioni, in aumento del 25% rispetto al 2012. Gli utenti mensili attivi sono stati 1,19 miliardi, il 18% in piu’ rispetto all’anno scorso. Al 30 settembre 2013 gli utenti mensili da dispositivi mobili sono stati 874 milioni, con un aumento del 45% su base annua. I ricavi da pubblicita’ di Facebook sono risultati pari a 1,80 miliardi di dollari, con i ricavi da pubblicita’ online che hanno rappresentato il 49% del totale. (ANSA, 30 ottobre 2013)

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez