Il mondo di Mad, 30 anni di moda italiana attraverso l’artista Maddalena Sisto

In anteprima allo Spazio Oberdan di Milano, martedì 5 novembre alle ore 21 il film ‘Il mondo di Mad’. Giornalista e grande disegnatrice di moda, Maddalena Sisto, in arte Mad, è morta nel 2000 a soli 49 anni dopo aver raccontato 30 anni di moda italiana con i suoi schizzi per Armani, Fiorucci, Ferré e le sue illustrazioni pubblicate da Vogue, Elle, il New Yorker, Sette, Panorama.

Per Vogue aveva cominciato a lavorare rispondendo a un’inserzione appena arrivata a Milano, ventenne, per frequentare architettura. Prima come giornalista e poi, finalmente, come illustratrice rivelando un talento che l’ha resa la più importante disegnatrice di moda e di costume dopo Brunetta.

Maddalena Sisto

Maddalena Sisto, Il mondo di Mad

I suoi soggetti, speiga una nota stampa, sono sempre donne: le donne scialbe e tristi della sua infanzia, le ‘signorine’ libere, sensuali e affascinanti del mondo della moda, le donne lievemente nevrotiche degli anni Ottanta e Novanta, fino ad arrivare alle donne botaniche e zoologiche. Con i 12.000 disegni da lei lasciati, l’esaustivo materiale d’archivio ritrovato e l’uso di animazioni appositamente realizzate, il film ci porta nel mondo di Mad. Un mondo ed uno stile creativo completamente originale, con cui ha catturato e ritratto non soltanto la moda e la società italiana, ma anche i desideri, le paure e le fantasie della donna contemporanea.

La regista Anna Di Francisca, presente in sala per rispondere alle domande del pubblico, così presenta il film, realizzato con la co-regia di Zoltan Horvath e prodotto da Stefilm e Nadasdy Film.  “Mi sono innamorata di Maddalena Sisto vedendo anni fa una mostra alla Triennale di Milano e ho deciso di immergermi nel suo mondo e nel suo immenso archivio di disegni. Per un lungo periodo ho lavorato anche sui suoi diari, sui suoi scritti messi generosamente a disposizione da suo marito. C’era qualcosa che ci accomunava molto, sicuramente l’ironia e l’umorismo. Mad, con un suo stile molto originale, catturava e ritraeva non soltanto la moda e la società italiana, ma anche i desideri, le paure e le fantasie della donna contemporanea. Il risultato di tutto ciò è un film che racconta attraverso il suo sguardo i momenti fondamentali del trentennio che va dal 1970 al 2000. L’opera di Mad diventa una sorta di prisma attraverso cui capire il mutamento della donna in quegli anni. L’animazione è parte integrante del film e aiuta a esprimere dei concetti, ma anche lo spirito di Mad, una sorta di Amelie della moda”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La tv pubblica greca si rifà il look. Ispirandosi ai loghi Rai

La tv pubblica greca si rifà il look. Ispirandosi ai loghi Rai

Calcio in tv. Vertice tra Milan, Inter e Juventus su fondi di private equity nella media company della Lega

Calcio in tv. Vertice tra Milan, Inter e Juventus su fondi di private equity nella media company della Lega

Pronto al debutto il progetto Green&Blue, su internet e carta, per tutti i quotidiani Gedi

Pronto al debutto il progetto Green&Blue, su internet e carta, per tutti i quotidiani Gedi