Schmidt (Google): “Scandalose le intercettazioni da parte delle autorità americane”

(TM NEWS) Il presidente di Google, Eric Schmidt, ha definito oggi “scandalose” le intercettazioni da parte delle autorità americane dei dati di centinaia di milioni di utenti dei motori di ricerca, di cui ha riferito la stampainternazionale nei giorni scorsi. Google ha presentato un reclamo ufficiale contro questi metodi alla Nsa, l’Agenzia nazionale di sicurezza Usa, al presidente degli Stati Uniti Barack Obama e ai membri del Congresso, ha confermato Schmidt, di passaggio per Hong Kong, in un’intervista con il Wall Street Journal.

“È veramente scandaloso che l’Agenzia di sicurezza nazionale sia andata a ricercare nei centri dati di Google, se queste rivelazioni sono vere. Le azioni che l’organizzazione è stata pronta a compiere a dispetto del buon senso per compiere la sua missione e violare potenzialmente la privacy delle persone, non va bene”, ha detto il presidente di Google.

“La Nsa avrebbe raccolto i dati telefonici di 320 milioni di persone con lo scopo di identificare circa 300 persone che rappresentano un rischio. È semplicemente una cattiva politica pubblica… e forse illegale”, ha aggiunto Schmidt precisando che “le rivelazioni di Snowden hanno fatto capire che potrebbero esserci nuove rivelazioni”.

TM NEWS 4 novembre

Eric Schmidt, presidente di Google

Eric Schmidt, presidente di Google

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Bene gli investimenti pubblicitari online anche in agosto, +15,1%. Fcp-Assointernet: sentiment positivo per settembre

Bene gli investimenti pubblicitari online anche in agosto, +15,1%. Fcp-Assointernet: sentiment positivo per settembre

Editoria, Cairo ottimista: con Covid il settore ha retto; nel 2021 ripresa graduale per la pubblicità. Per i giornali modello Nyt

Editoria, Cairo ottimista: con Covid il settore ha retto; nel 2021 ripresa graduale per la pubblicità. Per i giornali modello Nyt

TikTok, secondo il giudice che ha bloccato il bando sull’app dal divieto potenziale abuso di potere

TikTok, secondo il giudice che ha bloccato il bando sull’app dal divieto potenziale abuso di potere