Cairo dice no alla cessione di via Solferino: “Il rischio è di svendere”

(ANSA) Urbano Cairo, azionista sopra il 2% di Rcs, dice no alla cessione della sede del Corriere della Sera, sulla quale è chiamato a esprimersi il Cda di Rcs. ”Bisogna stare attenti a vendere via Solferino, il rischio è di svendere” afferma Cairo all’ANSA, convinto, ”come editore, che l’ultima cosa da fare è tagliare il personale, la penultima è vendere la sede”. ”Oggi vendere un immobile vuole dire vendere in un mercato che ha prezzi bassi. Bisogna pensare ad alternative per un immobile che ha un significato molto forte per un giornale come il Corriere che esiste dal 1876”, spiega il numero uno di Cairo Communication e de La 7. ‘Oggi la cosa fondamentale è tagliare i costi mantenendo però la qualità del giornale. E si può fare molto sul fronte dell’efficienza senza toccare il personale. Il lavoro principale di Jovane deve essere sui costi” aggiunge riferendosi all’a.d di Rcs Pietro Scott Jovane. Interpellato poi sui problemi che nascerebbero con le banche creditrici in caso di mancata cessione dell’edificio di via San Marco-via Solferino l’editore ha replicato che ”tutto si può negoziare”. (ANSA, 4 novembre 2013)

Urbano Cairo (fotoOlycom)

Urbano Cairo (fotoOlycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager