Matthew Newton è responsabile per i media internazionali e relazioni istituzionali del gruppo Generali

(ITALPRESS) Con effetto immediato Matthew Newton assume il nuovo ruolo di responsabile per i media internazionali e le relazioni istituzionali per il Gruppo Generali. Il Group ceo di Generali, Mario Greco, ha detto: “Sono felice di accogliere Matthew in questa nuova posizione. Grazie alla sua ampia esperienza nella consulenza per istituti finanziari globali, compreso Generali, Matthew contribuira’ significativamente a costruire il nostro profilo come player internazionale”. Newton, 44 anni, entra in Generali dopo sette anni a RLM Finsbury, una delle societa’ leader di comunicazione strategica, dove e’ stato partner e responsabile del team Financial Services. In questa posizione ha lavorato a stretto contatto con varie primarie istituzioni finanziarie gestendo un’ampia serie di tematiche reputazionali e di comunicazione. E’ stato consulente per Generali dal 2011. Newton ha conseguito una laurea in scienze politiche presso la Brown University (Usa) e la qualifica di solicitor in Inghilterra e Galles.

ITALPRESS 5 novembre

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..

Sostenibilità. Accordo tra Ministero dell’Ambiente e Sky Italia. Costa: partner importante per sfide cruciali. Ibarra: anno decisivo

Sostenibilità. Accordo tra Ministero dell’Ambiente e Sky Italia. Costa: partner importante per sfide cruciali. Ibarra: anno decisivo

Il 70% degli americani si informa sui social media. Facebook, YouTube e Twitter i più usati, poi Reddit, Snapchat, Linkedin, WhatsApp, Tumblr e Twitch

Il 70% degli americani si informa sui social media. Facebook, YouTube e Twitter i più usati, poi Reddit, Snapchat, Linkedin, WhatsApp, Tumblr e Twitch